Troverette tutto su la politica albanese dal antichità ad oggi.
Politica albanese e il suo camino
Moderatorë: Laert, I-AMESHUAR
Posto një përgjigje 2 postime · Faqe 1 prej 1
La Bosnia: paradiso per il terrorismo.
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 4573
Antarësuar: 28 Janar 2009, 13:10
La Bosnia: paradiso per il terrorismo., Posted 12 Gusht 2009, 08:43
La pagina della Rinascita Balcanica
Imazh

Di Biljana Vukicevic - La Bosnia: paradiso per il terrorismo. Le autorità della Bosnia Erzegovina dopo oltre 10 giorni hanno inviato all’Ufficio Interpol di Lione la richiesta di emissione del mandato di cattura a carico di Karray Kamel bin Ali, detto Abu Hamza. Le autorità della Bosnia Erzegovina, hanno inviato all’Ufficio Interpol di Lione la richiesta di emissione del mandato di cattura a carico di Bin Ali, includendo sul mandato tutti i 16 nomi falsi che usava e definendo il soggetto una persona “estremamente pericolosa”, con l’obbligo d’arresto per tutti i membri Interpol. Karray Kamel Bin Ali, detto Abu Hamza, è riuscito ad eludere la sorveglianza bosniaca, semplicemente evitando di rientrare nel carcere di Zenica dopo una vacanza che gli era stata concessa per oltre 24 giorni. Appena è stata notifica la sua assenza, la polizia federale ha solo avvisato l’Interpol che Kamel Bin Ali era fuggito dal carcere, non potendo inviare la richiesta per la sua cattura in quanto responsabili di tali comunicazione erano le autorità carcerarie, come spiegato dal capo del Dipartimento per le pubbliche relazioni della polizia Federale, Camil Kreso. Bin Ali, più conosciuto come Abu Hamza, è stato proclamato “una minaccia per la sicurezza nazionale della Bosnia”, ma le procedure burocratiche gli stanno lasciando molto più tempo per la sua fuga, mentre le autorità del Tribunale gli hanno dato ampio spazio, ben sapendo che avrebbe tentato la fuga per risolvere i suoi problemi con la cittadinanza bosniaca che è stata sospesa. Un atto davvero irresponsabile, soprattutto per un “pericoloso criminale” come è stato definito dalle stesse autorità bosniache. I capi della polizia, sabato, si sono riuniti presso il Ministero della sicurezza di BIH alla presenza del procuratore Marinko Jurcevic, per sondare tutte le opzioni della sua cattura in tempi rapidi, data “la profonda rottura risiede nel sistema stesso”. Proprio quella rottura ha lasciato libero Karray Kamel, detenuto a Zenica per sette anni perchè ha ucciso Hisham Diab, un altro arabo a Zenica. Dopo aver scontato la sua pena, nel mese di dicembre, si è associato ai wahabiti di Barcic, e al loro capo Jusuf Barcic. I due si sono incontrati proprio nel carcere dove è nata l’amicizia tra i due fondamentalisti musulmani. Dopo il fallimento dell’attacco alla moschea di Sarajevo. Alla morte di Barcic, in un incidente stradale, Karray ha continuato a rubare e a commettere piccoli atti criminali, come già faceva prima in Tunisia. Dopo tutto questo, è assurdo pensare che le autorità bosniache abbiano permesso che Karray Kamel resti ancora libero,ostacolate dalla burocrazia del Ministero della Sicurezza e dell’Interpol. La Bosnia si conferma essere il “paradiso del terrorismo”, per via del suo passato colluso con l’armata mujahedin e le cellule di Al Qaeda, considerando che lo stesso Bin Laden, durante la guerra del 1995, ha personalmente visitato la Bosnia. Come affermato da Ddzevad Galijasevic, membro del Gruppo di Esperti per la lotta con la criminalità organizzata e terrorismo per il Sud Est Europa, lo stesso membro della Presidenza di BIH, Haris Silajdzic, definito uno dei creatori e finanziatori dell’atto terroristico a New York dell’11 settembre nel 2001, come cella che forniva finanziamenti ottenuti dalla privatizzazione della Fonderia a Zenica, attraverso la Banca di Tuzla e con un credito del valore di 20 milioni di dollari presi dal Pakistan per il finanziamento di questo attacco. “Haris Silajdzic, da anni è stato uno dei mentori americani, la cui amicizia si è rotta nei ultimi anni in cui l’America si è lavata le mani di tutto ciò che è accaduto durante la guerra in BIH, in cui anni hanno aiutato i mujahedin e i campi di addestramento nella Bosnia centrale, condotti dalla CIA e dall’esercito americano”, conferma Galijasevic, il quale ha sottolineato che le transazioni sono state fatte insieme con Jasim Ravagdej, ambasciatore del Kuwait in BIH , anche se (ufficialmente) non esiste l`ambasciata del Kuwait in BIH. Un altro membro del Gruppo di esperti, Darko Trifunovic, conferma l’esistenza di un’ampia documentazione, dal 2002, secondo cui la polizia collega Haris Silajdzic ad Hasan Cengic e allo stesso Bin Laden che, durante la guerra del 1995, ha personalmente visitato la Bosnia. Questo è stato confermato da parte dei piloti che facevano da vettori per il traffico di sigarette dalla BiH, tramite la compagnia aerea Air Bosnia. Sulla base della documentazione in possesso del Gruppo di Esperti, è possibile vedere che il piano d`attacco a New York è stato organizzato nella maggior parte del territorio della BIH, come confermato anche dal congresso americano . Almeno quattro persone sono arrivate dalla BIH in America per partecipare all’attentato. I fatti confermano che il territorio della BIH è stato usato come centro logistico e di pianificazione di vari atti terroristici, ben noti alla classe politica bosniaca. Secondo lo stesso Trifunovic, la stessa Procura della BIH, discrimina in modo razzista i crimini dei serbi e dei croati, non accettando il fatto che la maggior parte degli atti violenti sono stati compiuti da parte dei mujahedin. “Il paradiso del terrorismo islamico”, così viene definita la Bosnia dai media internazionali. “Per tanti di loro (ex mujahedin) abbiamo molte informazioni che possono colpire ovunque nel momento, in qualsiasi momento”, conferma Trifunovic, che lavorava nella missione della BIH a New York, per essere poi licenziato nel momento in cui è venuto a conoscenza dell’esistenza di un evidente collegamento con il terrorismo che parte dalla Bosnia. Un lungo processo ha dato a Trifunovic la sua giustizia, e lo Stato della BIH dovrà ora pagare i danni per il suo licenziamento. Speriamo che una giustizia sarà fatta anche per i crimini dei mujahedin contro il popolo serbo e croato in Bosnia, e tutte le altre vittime dei loro attentati.

Altre notizie: 1- Sejdiu: ogni cambiamento dei confini è rischioso. “La posizione delle istituzioni della Repubblica di Kosovo è inalterabile: ognuno a casa propria casa, ognuno nei propri confini statali”, ha detto il Presidente del Kosovo, Fatmir Sejdiu, durante la sua visita a Nord Mitrovica. I commenti del Presidente giungono pochi giorni dopo la dichiarazione del legislatore americano, Dana Rohrabacher, che lo scambio dei territori tra il Kosovo e la Serbia, potrebbe contribuire a raggiungere una soluzione stabile nei Balcani. Durante l`incontro svolto con gli abitanti di Koshtova, Ceraja e Bistrica del Comune di Leposavic, Sejdiu ha offerto il completo appoggio delle istituzioni nazionali per lo sviluppo di questa provincia. Il Presidente ha rivolto anche un appello ai cittadini serbi del Kosovo a partecipare alle elezioni locali di quest`anno in modo che contribuiscano a rendere migliore loro futuro e quello del Kosovo. “E` un obbligo delle istituzioni della Repubblica di Kosovo realizzare dei progetti di sviluppo, i quali consentiranno ai cittadini di questa zona di stare qui, e fare da stimolo per coloro che sono andati via. Anche questa zona è sicura, visto che le istituzioni locali si stanno impegnando e lavorano con le istituzioni del Paese, aiutati dalla KFOR e l`EULEX”, ha detto Sejdiu.
11 August 2009
''Skllavëria jonë vjen nga fakti se i nënshtrohemi Sundimit të Gënjeshtrës, se nuk ia çjerrim Maskën e nuk protestojmë kundër saj çdo ditë”:Martiri Polak, Frati Jerzy Popiełuszko. Në shqipë prej polonishtes Bep Martin Pjetri
"Ku asht Shpirti i Zotit, aty asht Liria"("Ubi spiritus Domini ibi libertas") At Gjergj Fishta
"Të vdekun kanë lindë ata, që Sot Heshtin!"Fritz Kolë Radovani
Përgjigju duke Cituar
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 4573
Antarësuar: 28 Janar 2009, 13:10
La pagina della Rinascita Balcanica, Posted 12 Gusht 2009, 09:00
QUESTI SITUACION TERORISEM IN BOSNIA HA PREPARATIO SUPERMILIARDIERI HEBRE SOROSI CON MILIONA DOLLAR.
''Skllavëria jonë vjen nga fakti se i nënshtrohemi Sundimit të Gënjeshtrës, se nuk ia çjerrim Maskën e nuk protestojmë kundër saj çdo ditë”:Martiri Polak, Frati Jerzy Popiełuszko. Në shqipë prej polonishtes Bep Martin Pjetri
"Ku asht Shpirti i Zotit, aty asht Liria"("Ubi spiritus Domini ibi libertas") At Gjergj Fishta
"Të vdekun kanë lindë ata, që Sot Heshtin!"Fritz Kolë Radovani
Përgjigju duke Cituar
Posto një përgjigje 2 postime · Faqe 1 prej 1
Antarë duke shfletuar këtë forum: Asnjë antar i regjistruar dhe 1 vizitor
Powered by phpBB3
Copyright ©2008 phpBB Group.
Të gjitha oraret janë UTC + 2 orë . Ora 07 Mars 2021, 11:50
Designed by Monitonix
[phpBB Debug] PHP Warning: in file /web/htdocs/www.proletari.com/home/mkportal/include/PHPBB3/php_out.php on line 33: Creating default object from empty value
Theme by Zeuder
Copyright 2009 - 2010 da Proletari