Troverette tutto su la politica albanese dal antichità ad oggi.
Politica albanese e il suo camino
Moderatorë: Laert, I-AMESHUAR
Posto një përgjigje 1 postim · Faqe 1 prej 1
Fr. Gjon Pantalia s.j.Martire di Cristo in Albania
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 4573
Antarësuar: 28 Janar 2009, 13:10
Fr. Gjon Pantalia s.j.Martire di Cristo in Albania
2 giugno 1887 � 31 ottobre 1947 - KUSHËRIRI I NANË TEREZES

Ernesto Santucci s.j.
Imazh

Una rarissima foto di Fr.Gjon Pantalia(a destra), con il sacerdote diocesano Mark Gjani, anch'esso martire albanese.


Fratel Gjon Pantalia era un albanese del Kosovo. Era nato a Prizzen il 2 giugno 1887. Era cugino, da parte della madre, di Madre Teresa di Calcutta. Di famiglia modesta, prima di entrare nella Compagnia di Gesù lavorava come fattorino nel bazar della sua città natale.
Dopo aver fatto il Noviziato a Soresina, in Italia, i Superiori volevano che intraprendesse gli studi per essere sacerdote, ma la sua umiltà lo spinse a restare semplice Fratello coadiutore.
Fr.Pantalia, durante gli anni della seconda guerra mondiale, era conosciuto da tutta l�élite cattolica albanese. Era in effetti l�uomo chiave del Collegio dei Gesuiti di Scutari, dedicato a S.Francesco Saverio. Collegio che è stato vivaio di futuri insegnanti, avvocati, uomini politici e sacerdoti.
Imazh

L'antica chiesa di S.Chiara ad Arameras, che P.Santucci sta ricostruendo, � come un simbolo della Chiesa che rinasce in Albania, dopo la persecuzione comunista.

Era l�animatore di tutte le attività sociali e culturali del Collegio. Era contemporaneamente professore, consigliere pedagogico, animatore teatrale, direttore del coro e dell�orchestra, compositore, scrittore e direttore spirituale.
Malgrado - o proprio perché aveva tutte queste incombenze - Fr.Gjon Pantalia riuscì a salvare molti suoi alunni sia quando erano ricercati dalle autorità italiane che occuparono l�Albania, sia dopo da quelle tedesche.

L'antica chiesa di S.Chiara ad Arameras, che P.Santucci sta ricostruendo, � come un simbolo della Chiesa che rinasce in Albania, dopo la persecuzione comunista.
Tra questi alunni da lui messi in salvo, alcuni dopo la guerra ricoprirono incarichi tra le fila comuniste, e protessero questo coraggioso Fratello durante la prima ondata della persecuzione religiosa, che prese di mira anche i gesuiti nel 1945.
Fr.Pantalia, nonostante fosse strettamente sorvegliato, si adoperò per mettere al sicuro gli oggetti di valore del Collegio e per trovare avvocati che accettassero di difendere i sacerdoti arrestati. Soprattutto si sforzava affinché le attività scolastiche proseguissero nel miglior modo possibile, cosa che faceva notevolmente indispettire il nuovo regime comunista.

Dopo l�arresto dei Padri Fausti e Dajani, Fr.Gjon Pantalia, pur essendo un semplice Fratello coadiutore, appariva agli occhi di tutti � e anche del regime � come il responsabile morale della Compagnia di Gesù. I suoi ragionamenti, la sua influenza sui giovani, la sua straordinaria umiltà, ne facevano agli occhi della dittatura comunista un ostacolo da abbattere.
Per non suscitare reazioni venne arrestato discretamente, nel settembre (o nell�ottobre secondo altri) del 1946. Fu selvaggiamente torturato: bastonate, corrente elettrica, schegge di legno nelle unghie ecc�
Fu quindi portato nel convento francescano di Gjudahol, che era stato trasformato in prigione. Malato, ridotto in pessime condizioni per i maltrattamenti subiti, venne rinchiuso in una cella accanto alla chiesa.

Nonostante le sue precarie condizioni Fr.Pantalia tentò di evadere, senonché, spossato com�era per le torture subite, cadde nel tentativo di fuggire da una finestra e si spezzò le gambe. Morì, per mancanza di cure, tra atroci sofferenze, il 31 ottobre 1947.
Alla fine del 2002 è stato aperto il processo canonico per i Martiri Albanesi, vittime della persecuzione religiosa in Albania durante gli anni della dittatura comunista (1943-1989). Riguarda sette vescovi, molti sacerdoti diocesani, tre gesuiti, tredici francescani, un seminarista. Oltre al Fr.Gjon Pantalia, gli altri gesuiti martiri sono i Padri Giovanni Fausti e Daniel Dajani.
Voglia il Signore portare presto tutti questi uomini generosi, che hanno testimoniato la loro fede in Cristo fino all�effusione del sangue, alla gloria della Beatificazione. E che il Fr.Pantalia susciti in tanti giovani il desiderio di servire come lui il Signore, imitandolo nella vita religiosa nella Compagnia di Gesù.

Nota
Notizie più ampie sulla vita e il martirio di Fr.Gjon Pantalia si possono trovare nel volume di P.Guidetti: Gesuiti in Albania, S.Fedele Edizioni, Milano 1996.
''Skllavëria jonë vjen nga fakti se i nënshtrohemi Sundimit të Gënjeshtrës, se nuk ia çjerrim Maskën e nuk protestojmë kundër saj çdo ditë”:Martiri Polak, Frati Jerzy Popiełuszko. Në shqipë prej polonishtes Bep Martin Pjetri
"Ku asht Shpirti i Zotit, aty asht Liria"("Ubi spiritus Domini ibi libertas") At Gjergj Fishta
"Të vdekun kanë lindë ata, që Sot Heshtin!"Fritz Kolë Radovani
Përgjigju duke Cituar
Posto një përgjigje 1 postim · Faqe 1 prej 1
Antarë duke shfletuar këtë forum: Asnjë antar i regjistruar dhe 2 vizitorë
Powered by phpBB3
Copyright ©2008 phpBB Group.
Të gjitha oraret janë UTC + 2 orë . Ora 07 Mars 2021, 11:10
Designed by Monitonix
[phpBB Debug] PHP Warning: in file /web/htdocs/www.proletari.com/home/mkportal/include/PHPBB3/php_out.php on line 33: Creating default object from empty value
Theme by Zeuder
Copyright 2009 - 2010 da Proletari