Visto che del Albania si sà molto poco. Abbiamo pensato a creare un angolo dove porteremo la storia nostra,la lingua, la musica. l'arte ecc.
Moderatorë: Laert, I-AMESHUAR
Posto një përgjigje 3 postime · Faqe 1 prej 1
I pelasghi - l'antico popolo misterioso
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 1010
Antarësuar: 27 Janar 2009, 01:10
I pelasghi - l'antico popolo misterioso, Posted 24 Maj 2009, 02:36
Imazh
Pelasghi, illiri, arberi, albani, arvaniti, arnauti, shqipetar… nomi strani e tutti dicono la stessa cosa. Sono nei secoli la denominazione di quel popolo misterioso che non è ne di oriente ne di occidente, che stranamente si trova in mezzo. Da dove provengono gli albanesi anche se dovrebbe essere chiaro è ancora per motivi “balcanici” e cioè politici, argomento di dibattito.
E non vogliamo entrare nel merito. Ma prima che il mondo seguisse il filone di cultura greco – romana c’e chi persa che ci fosse il filone pelasgo – etrusco soprafatto dall’ellenizzazione e romanizzazione. I pelaghi e gli etruschi abitavano Anatolia, Balcani e l’Italia prima de greci, prima che loro venissero dal Medioriente. E come Erodoto afferma, dei e cultura, i greci la trovarono tra i vecchi abitanti che trovarono i quali avevano un mito, il primo pelasgo era nato dalla terra. Strano come miti antichi si intrecciano e si rafforzano.

E poi non si sa bene come popolazioni balcaniche cambiano come e si chiamano illiri, hanno una identità ormai più statista e sono economicamente evoluti. Battono moneta prima dei romani e si estendono dal Danubio fino ad Atene, nei Balcani non ci sono ancora slavi…sono un popolo fiero e guerriero, tutto il meridione d’Italia è abitato da tribù il liriche come gli iapigi che diedero anche il nome alla puglia. Ma non solo, come per ironia della sorte, i padani sono discendenti illiri e cioè cugini con gli albanesi.

E poi vennero i romani, e poi i barbari e poi l’onda dei slavi…e illiri si ritirarono. E come per incanto si chiamano arber, ormai o arben in Gheg, e Arberi, la terra degli Arber l’odierna Albania.

E oggi gli albanesi si chiamano shqipetar… impronunciabile per uno straniero, una cosa difficile sia nel nome sia nel carattere. Gli albanesi sono proprio cosi, racchiusi dentro l’essenza del proprio nome e speso impenetrabili. Shqiptar.

I nomi degli albanesi hanno sempre significati particolari. E come pelasgo, fu mitologicamente coli che nacque dalla terra. e che i greci trovarono li, e furono gli avi degli etruschi che i romani trovarono li.

Illiri, anche oggi in albanese corrente illir vuol dire libero, perche gli illiri questi erano, uomini liberi che navigavano in un mare al quale diedero il nome di Ionio ( jon in albanese vuol dire “nostro”, lo stesso mare che dopo i greci chiamarono egeo (egeo Mio in greco) e che i romani chiamarono “mar nostrum”.

E poi i turchi li chiamarono Arnaut, un nome una legenda… vuol dire dall’ottomano “coloro che considerano vergognoso tornare indietro”. Si perche l’impero Ottomano, l’onda che non di fermo davanti a niente, davanti a crociati e alleanze, di schiantò sulle montagne dell’Albania e per 25 anni di guerre impararono a rispettarsi.

Un piccolo popolo una grande epopea, dinastie intere di imperatori illustri romani come Giustiniano, da Durazzo, il legislatore, Costantino il primo cristiano o Diocleziano e tanti altri, come altri papi albanesi e o alte comandanti e vezir del impero ottomano. Sempre combattenti sempre dopo rispettati.

Il 1800 trova l’Albania parte del impero ottomano. E l’impero ottomano è ormai versa la deriva. Ma chi albanesi sono un tassello importante di quel vasto e agonizzante corpo statale. In 400 anni hanno regnato come gran vezir ( prima carica dopo il sultano) quasi 50 vezir Albanesi, e se mediamente sono stati al potere per 5 anni vuol dire che per la maggior parte del tempo gli albanesi hanno diretto le politiche dell’impero. Il Medioriente era quasi tutto nelle mani di Muhamed Ali vice re di Egitto, un titolo unico riconosciuto per la prima volta a questo uomo dal sultano. Un re a tutti gli effetti, un trono ereditario e un indipendenza politica ed economica. Muhamed ali, l’albanese, e il suo clan regno in Medioriente dal 1700 fino al ultimo re albanese di Egitto intorno al 1950. ma erano ormai famosi come quando il nome del illustre generale ottomano che riuscì a conquistare e mettere ordine in una delle terre più calde del mondo l’Iraq divenne famoso, Ahmed Pascià Dukagjini. Dukagjini un nobile casato tuttora cattolicissimo del nord Albania custodi del Canone Delle montagne, antico codice giuridico albanese.


Ma Istanbul stava perdendo la sua guerra con la Russia. E nei Balcani nasceva il nazionalismo slavo e greco tutto a ridosso dei albanesi perche al massimo i turchi sarebbero ritirati, ma gli albanesi avevano un emergente bisogno di movimenti nazionalisti per contrastare le pretese dei grandi poteri su territori albanesi.

Gli ottomani orami erano uno stato corrotto composto di nazional fascisti turchi che pensavano di salvate solo l’identità turca da ciò che era uno stato di 90 nazionalità, opportunisti che pensavano alle proprie ricchezze e pan islamismi idealisti che speravano ancora in una grande ripresa si quel mondo che fu l’Impero ottomano.


I domini di poco prima di due grandi statisti albanesi nei Balcani come Mahmud Pascià Bushati al nord che costruì uno stato che comprendeva territori del nord Albania Montenegro, Kosovo Bosnia e Krajna, e a sud Ali pascià Tepelena che raccolse sotto il suo dominio tutto il sud dei Balcani che parlavano albanese, e ciò comprendeva quasi tutta la Grecia di oggi. il leone di Scutari e il leone di Giannina non pensarono a quei tempi di unirsi, e questo e il rammarico di tutti gli albanesi romantici. Ma dopo il loro crollo raccolsero la furia di greci e slavi che si abbatte con sistematici piani di massacri e politiche di assimilazione. I greci cominciarono a far sparire l’albanese dalla Tessaglia. Funzionari corrotti ottomani nel periodo delle rinascite nazionali contrastarono lingua e cultura albanese commissionati da lobi greci. E a nord i slavi bruciavano le Kulla ( antiche roccaforti albanesi)

Il congresso di Prizren vide gli intellettuali albanesi uniti per decidere cosa fare. Proclamare subito l’indipendenza voleva dire trovarsi soli sotto gli interessi degli austro ungarici, serbi son dietro il potere del impero russo) e il gusto di espansione del Italia, e la voglia della Grecia di far suo l’Epiro del Nord. Ma se si stava sotto l’impero c’era il pericolo che uscito sconfitto dal conflitto con i russi Istanbul doveva cedere territori suoi ai russi i quali volevano territori albanesi da annessare ai serbi per maggior potere in Europa. Tempi duri quei tempi. Fino a che si stava parte del impero almeno di potevano evitare di più le scorribande in quella polveriera che furono i Balcani a quei tempi ma si rimaneva indietro nel formare uno stato e gli altri vicini si erano già mossi. Si decise di iniziare una propaganda nazionalista e creare il terreno per un futuro stato albanese. Fondamentale la lega di Prizren.


Ma gli ottomani persero, bulgari serbi montenegrini e francesi assalirono i territori ottomani nei Balcani. Facevano piani e carte e le discordie tra loro diede il tempo di reagire. Gli italiani e gli austro ungarici capirono che cosi il potere russo in Europa sarebbe stato esagerato e si posero a favore di uno stato indipendente albanese. Ismail Kemal Vlora, ex capo del parlamento ottomano venne subito in Albania e radunò i politici per proclamare l’indipendenza da Istanbul . il 28 -11- 1912 l’Albania a va’olona si proclamo uno stato indipendente e aggredire le sue terre non era più aggredire l’impero ottomano ma nel frattempo Ulqin, Plava, Gucia, Kosovo erano nei mani dei montenegrini e serbi. I serbi invasero perfino Kruja, il centro del Albania d’oggi. I greci occuparono il sud…successe quello che si temeva. Ma la fame austro ungherese per quell’territorio fecce si che la conferenza di Londra un ano dopo riconoscesse l’Albania come stato indipendente, si, decimato 70 percento dei territori albanofoni senza Ulqin, ma con Scutari, senza il Kosovo e la Ciamuria ma una lingua, una bandiera…


La bandiera…l’aquila. Oramai gli albanesi non si chiamano ne illir ne arber ne Arnaut, ma shqipetar che vuol dire l’uomo delle aquile,e l’Albania Shqiperi, terra della aquile, e in un campo rosso sangue alla fine sbandiera un aquila bicefale come la legenda vuole, solitari per natura, uniti davanti al pericolo e le difficoltà.
Scritto da Indrit Daci
Paqja eshte mbreti i kultures, lufta ushtari i saj
Chi è in equilibrio non evolve
.
(shkruar nga une)
Testo shpejtesine e internetit tuaj
Imazh
Përgjigju duke Cituar
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 4572
Antarësuar: 28 Janar 2009, 13:10
I pelasghi - l'antico popolo misterioso, Posted 24 Maj 2009, 09:43
:muah Bravissimo I Ameshuar!

Questo articolo è interesante per il popolo italiano! Quanto è antico il popolo albanese! Che meraviglia! :flm
''Skllavëria jonë vjen nga fakti se i nënshtrohemi Sundimit të Gënjeshtrës, se nuk ia çjerrim Maskën e nuk protestojmë kundër saj çdo ditë”:Martiri Polak, Frati Jerzy Popiełuszko. Në shqipë prej polonishtes Bep Martin Pjetri
"Ku asht Shpirti i Zotit, aty asht Liria"("Ubi spiritus Domini ibi libertas") At Gjergj Fishta
"Të vdekun kanë lindë ata, që Sot Heshtin!"Fritz Kolë Radovani
Përgjigju duke Cituar
Drejtues

Poste: 123
Vendodhja: san martino di lupari
Antarësuar: 13 Shkurt 2009, 20:10
Re: I pelasghi - l'antico popolo misterioso, Posted 03 Qershor 2009, 20:12
trovo molto interessante questo articolo!!!
grazie ameshuar!!
Përgjigju duke Cituar
Posto një përgjigje 3 postime · Faqe 1 prej 1
Antarë duke shfletuar këtë forum: Asnjë antar i regjistruar dhe 1 vizitor
Powered by phpBB3
Copyright ©2008 phpBB Group.
Të gjitha oraret janë UTC + 2 orë . Ora 04 Mars 2021, 00:06
Designed by Monitonix
[phpBB Debug] PHP Warning: in file /web/htdocs/www.proletari.com/home/mkportal/include/PHPBB3/php_out.php on line 33: Creating default object from empty value
Theme by Zeuder
Copyright 2009 - 2010 da Proletari