Visto che del Albania si sà molto poco. Abbiamo pensato a creare un angolo dove porteremo la storia nostra,la lingua, la musica. l'arte ecc.
Moderatorë: Laert, I-AMESHUAR
Posto një përgjigje 3 postime · Faqe 1 prej 1
ANTICHITATE -ILIRIA
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 4580
Antarësuar: 28 Janar 2009, 13:10
ANTICHITATE -ILIRIA, Posted 13 Shkurt 2009, 15:20
Antichitate - Iliria
Din datele istorice, dar si din cele arheologice, lingvistice si antropologice se poate trage concluzia ca albanezii sunt urmasii directi ai Ilirilor si de aceea sunt considerati primii in pamanturile in care traiesc si astazi. Urmand aceasi logica, se poate zice ca limba albaneza este urmasa a limbii ilire si tranzitia din ilira la albaneza se presupune ca a avut loc intre sec. 4-6 D.H
Imazh


Exista dovezi care ne determina sa credem ca, cultura ilira a luat nastere in Epoca Pietrei si a luat o forma mai solida pe teritoriul Albaniei de astazi in urma cu cc. 2000 ani I.H. Ilirii se prezentau ca o amestecatura de triburi, care au trait in partea de vest a Penisulei Balcanice, ajungand pana in Slovenia de astazi in nord si Epirus in sud. Cateva din triburile ilire care au trait pe teritoriul muntos al Albaniei de astazi au fost mai izolate si s-au dezvoltat mai incet, avand mai putine schimburi culturale decat celelalte triburi care au trait pe langa mare.

La inceputurile lui, Regatul Iliriei cuprindea teritoriile de astazi ale Dalmatiei, Croatiei, Bosniei si Hertegovinei, Muntenegrului si o foarte mare parte din Serbia de azi. Capitala Regatului ilir era Shkodra (Scutari) care si astazi este cel mai mare si cel mai important centru in Albania de nord.

Primul rege ilir pe care cunoastem a fost regele Hyllus (Steaua – in limba albaneza acest cuvant este de gen masculin. Numele Hyllus este si astazi folosit in Albania, dar sub forma mai evoluata: Yll-i). Hyllus moare in anul 1225 I.H dar regatul rezista si atinge apogeul cand regele Bardhylus (Steaua Alba –astazi Bardhyl) uneste in regatul sau Iliria, Molosia si o buna parte din Macedonia. Regatul ilir cunoaste o perioada slaba (cand era inca condus de regele Bardhylus) atunci cand Philip al Macedoniei (tatal lui Alexandru Cel Mare) il ataca.

Cativa ani mai tarziu Regatul Ilir a fost condus de regina Teuta, pe care istoricii au numit-o Caterina Cea Mare a Iliriei (Catherine the Great of Illyria). Sub conducerea ei, Regatul a cunoscut o dezvoltare a comertului, in mod special al celui maritim, devenind un competitor al Romei. In aceste conditii Senatul din Roma a declarat razboi Reginei Teuta si armata sub comanda lui Santumalus si Alvinus a atacat Albania Centrala. Dupa doi ani de rezistenta Regina Teuta accepta pacea si conditiile impuse de romani.

Ultimul rege ilir a fost Gentius (astazi Gentian sau Genti). El a fost capturat in 165 I.H si dus la Roma ca prizonier.

Deci, Iliria Enkeleizilor, Taulantilor etc a ajuns sub dominatia romana, care a divizat regatul in trei Republici. Capitalele celor 3 republici au fost Scodar (Shkodra), Epidamus/Dyrrachium (Durres) si Dulcigno (Ulqin – astazi in Muntenegro).

Cronicarii din antichitate descriu ilirii ca un popor sociabil si ospitalier, generosi in in mod special curajosi. Femeiile ilire avea aproape aceasi drepturi ca si barbatii iliri, avand chiar posibilitatea sa conduca (vezi exemplul Reginei Teuta). Din punct de vedere religios ilirii erau recunoscuti ca pagani care credeau in viata dupa moarte. Pamantul Iliriei era bogat in minereuri: fier, cupru, aur, argint etc. si din acest motiv iliri au fost renumiti in prelucrarea acestor metale. Ei au fost renumiti si ca buni constructori de barci si marinari. Cel mai renumit vas construit de iliri era recunsocut sub numele de liburnae si a fost inclus in Marina Militara Romana sub numele de Liburnul.

Intre sec. 8-6 I.H comerciantii greci au inceput sa construiasca coloniile lor pe pamant ilir. Cele mai mari colonii grecesti, care mai tarziu au devenit orase, au fost Epidamus (astazi Durres) si Apollonia (astazi Fier). Grecii au adus, printre altele, o civilizatie mai anvasanta, cunostinte bune de comert dar si o influenta economica si politica in societatea ilira. Dupa cronicile grecesti se crede ca Apolonia a ajuns sa fie un oras foarte mare, avand o populatie de aproape 50 000 de oameni. Declinul acestor colonii a inceput in sec. III I.H.
Imazh


Sub dominatia romana (care a durat aproape 6 secole), Iliria a devenit Illyricum. Arta si cultura s-au dezvoltat mai bine ca niciodata, in mod special in Apollonia, care a oferit antichitatii scoala ei de filozofi. In mare masura, Iliria a rezistat dominatiei romane: cultura si limba ilira au supravietuit, insa multe cuvinte latine au fost insusite si astazi se gasesc in limba moderna albaneza.

Iliria a cunoscut o dezvoltare si din punct de vedere religios. Crestinismul a aparut pentru prima data in jumatatea primului secol D.H. La inceputurile ei, religia crestina a trebuit sa concureze cu diferite religii orientale, printre care, cea mai renumita a fost cea a cultului Mithra – Domnului Pers al Lumini. Se crede ca aceste culturi orientale au intrat in Iliria ca urmare a contactelor dintre iliri si lumea orientala. Cele mai mari comunitati crestine au fost in Dyrrhachium (numele roman pentru Epidamus/Durres). Au fost stabilite episcopate in Apollonia, Buthrotum (astazi Butrint) si Scodra (Shkoder).

Asa cum am subliniat mai inainte, ilirii erau renumiti pentru curaj si cunostiinte in domeniul militar. De aceea, ei aveau déjà influenta in armata romana si multi dintre conducatorii acesteia au fost iliri. Unii au ajuns sa fie chiar si imparati. Incepand cu sec. 4. D.H aproape toti imparatii romani erau de origina ilira : Gaius, Decius, Claudius, Gothicus, Aurelian, Probus, Diocletian si Constantin Cel Mare.

In anul 395 Imperiul Roman se imparte in doua: Imperiul Roman de Est si Imperiul Roman de Vest. Teritoriile Albaniei moderne ii apartineau déjà Imperiului Bizantin. Ca si in cazul Imperiului Roman, ilirii au reusit sa conduca si Imperiul Bizantin. Trei dintre imparatii care au condus Imperiul Bizantin intre 491 – 565 au fost de origina ilira: Anastasius I, Justin I, si cel mai renumit imparat Byzantin: Justinian I.

In primele decade (pana in 461) Iliria a cunoscut raidurile Visigotilor, Hunilor si Ostrogotilor. Nu mult timp dupa distrugerile aduse de acesti barbari, in Balcani au aparut slavii. Intre sec. VI- VIII slavii s-au asezat in teritoriile ilire, acolo unde astazi se gaseste Slovenia, Croatia, Bosnia si Hertegovina si Serbia. Multe dintre triburile ilire au fost asimilate, iar multe altele s-au retras in zona unde astazi se afla Dardania (Kosovo) si Albania. Aceste triburi au rezistat asimilarii si au reusit sa pastreze cultura si limba ilira.

Ca urmare a impactului roman, bizantin si al celui slav, societatea ilira a parcurs o perioada de tranzitie care a desemant trecerea de la iliri la albanezii de astazi. Intre sec. VIII-IX numele de Iliria (Ilir – in albaneza liber) a inceput sa fie inlocuit cu numele Albania. Pentru prima data numele Albania a fost intalnit mult timp inainte, in cronicile lui Ptolemeu (sec. II) care vorbea despre tribul ilir: Alban. Albanii au trait pe teritoriul Albaniei centrale de astazi si erau renumiti pentru curajul lor. Numele tribului lor a fost folosit la denumirea tuturor oamenilor care traiau in teritoriile inca locuite de iliri. In aceasta perioada albanezii numeau tara lor Arberia (un derivat al cuvantului Alban/Arban), iar incepand cu sec XV (unii istorici cred ca acest lucru a fost clar in sec. XVI-XVII) tara a fost numita Shqiperia – Tara Vulturilor (shqipe – Vultur).

Sub dominatia bizantina crestinatatea a devenit religia principala (poate unica) in Albania. Bisericile erau construite dupa stilul roman si stilul grecesc.

Albania ramane sub juridictia Papei de la Roma pana in anul 732. Leo III, renumitul imparat bizantin, observand ca albanezii sustineau biserica romana hotaraste sa treaca Biserica Albaneza sub controlul Patriarhiei din Constantinopol. In 1054, atunci cand Biserica Crestina se imparte in cea de Est si cea Romana, Albania se imparte pentru prima data din punct de vedere religios: Nordul Albaniei depinde de la Biserica Romana, iar Sudul din Patriarhia Bizantina. Astazi, in nordul Albaniei traieste comunitate catolica, iar in sud cea ortodoxa.




Source [for the Library of Congress]: Based on information from R. Ernest Dupuy and Trevor N. Dupuy, The Encyclopedia of Military History, New York, 1970, 95; Herman Kinder and Werner Hilgemann, The Anchor Atlas of World History, 1, New York, 1974, 90, 94; and Encyclopaedia Britannica, 15, New York, 1975, 1092.

SOURCE: The Library of Congress - ALBANIA - A Country Study
''Skllavëria jonë vjen nga fakti se i nënshtrohemi Sundimit të Gënjeshtrës, se nuk ia çjerrim Maskën e nuk protestojmë kundër saj çdo ditë”:Martiri Polak, Frati Jerzy Popiełuszko. Në shqipë prej polonishtes Bep Martin Pjetri
"Ku asht Shpirti i Zotit, aty asht Liria"("Ubi spiritus Domini ibi libertas") At Gjergj Fishta
"Të vdekun kanë lindë ata, që Sot Heshtin!"Fritz Kolë Radovani
Përgjigju duke Cituar
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 1010
Antarësuar: 27 Janar 2009, 01:10
Re: ANTICHITATE -ILIRIA, Posted 06 Mars 2009, 19:08
All'epoca di Cesare l'Illiria (o Illirico) era la regione corrispondente all'attuale fascia costiera orientale del Mare Adriatico, abitata dagli Illiri, un'antica popolazione che probabilmente parlava una lingua indoeuropea.

Le principali città dell'Illiria erano Scodra (l'odierna Scutari), Lissa (l'odierna Alessio) ed Epidamno (l'odierna Durazzo).

Gli Illiri arrivarono nella parte occidentale della penisola Balcanica intorno al 1000 a.C., tra la fine dell'Età del Bronzo e l'inizio dell'Età del Ferro. Nei successivi mille anni, essi occuparono territori che si estendevano dai fiumi Danubio, Sava e Morava al Mare Adriatico ed ai monti Sar.

Imazh
Caratteristiche

Durante il XIX secolo e nei primi del XX, gli archeologi associarono gli Illiri con la cultura di Hallstatt, popolazione dell'età del ferro nota sia per la produzione di spade in bronzo e ferro, con la tipica elsa dalla forma alata (Ha C), che per l'allevamento dei cavalli. Oggi, far corrispondere ad una cultura materiale un dato gruppo politico e linguistico è considerato un errore, poiché non abbiamo a disposizione la conoscenza degli effettivi cambiamenti culturali e linguistici.

L'area fu inizialmente abitata da due gruppi, noti dai tempi dell'Impero Romano con il nome di Pannoni e Dalmati, ma le moderne ideologie sul nazionalismo razziale tendono a minimizzare il fenomeno di commistione tribale che ha avuto luogo negli ultimi tre millenni.

Gli Illiri intrapresero contatti commerciali e bellici con i loro vicini. Gli antichi macedoni probabilmente avevano radici illiriche, ma sotto Filippo il macedone la classe dominante assorbì la cultura Greca. Si mescolarono anche con i Traci nell'annessione dei territori orientali. A sud e lungo le coste del Mare Adriatico, gli illiri subirono molto l'influenza dei greci, che vi fondarono delle postazioni commerciali. L'odierna città di Durazzo si sviluppò per l'appunto da una colonia greca nota come Epidamno, fondata alla fine del VII secolo a.C. Un'altra famosa colonia greca, Apollonia sorse tra Durazzo e la città portuale di Valona.

Gli illiri producevano e scambiavano bestiame, cavalli, prodotti agricoli e beni di lusso forgiati nel rame locale e nel ferro. Furti e guerre erano all'ordine del giorno tra le popolazioni illiriche, e i loro pirati furono una lunga piaga per i marinai che solcavano l'Adriatico. I consigli degli anziani sceglievano un capo a guida di ognuna delle tribù illiriche. Di volta in volta, i capi locali estendevano il loro controllo sopra altre tribù e formavano regni dalla breve vita. Durante il V secolo a.C., un centro ben sviluppato si era esteso nell'estremo nord, sulla parte alta della valle del fiume Sava, oggi Slovenia. Fregi illirici sono stati scoperti nell'attuale città di Lubiana mostranti sacrifici rituali, festività, battaglie, eventi sportivi e altre attività.

Più volte i gruppi di illiri migrarono al di là delle loro terre diretti nella penisola italica.


Il regno Illirico

Il regno illirico di re Bardhylus divenne un formidabile centro di potere nel IV secolo. Nel 359 a.C., il re di Macedonia, Perdicca III, fu ucciso durante un assalto agli Illiri. Nel 358 a.C., Filippo II il Macedone, padre di Alessandro Magno, li sconfisse e assunse il controllo del loro territorio fino al lago di Ocrida. Alessandro stesso condusse le truppe del loro capo Clito nel 355 a.C. e condottieri tribali illirici nonché molti soldati accompagnarono Alessandro alla conquista della Persia. Dopo la sua morte nel 323 a.C., regni Illirici indipendenti si ribellarono nuovamente. Nel 312 a.C. re Glauco espulse i greci da Durazzo. Verso la fine del III secolo a.C., un regno Illirico si stanziò nei pressi dell'odierna città albanese di Scutari e pose il suo controllo su parte dell'Albania settentrionale, Montenegro e Erzegovina. Sotto la regina Teuta, attaccarono imbarcazioni mercantili romane nel Mare Adriatico e diedero a Roma una valida scusa per invadere i Balcani.

Nelle guerre illiriche del 229 a.C. e del 219 a.C., Roma passò ben oltre i loro stanziamenti nelle valle del fiume Narenta e soppresse quella pirateria che aveva reso l'Adriatico un mare pericoloso. Nel 180 a.C. i Dalmati si dichiararono indipendenti da re Genti, che pose la sua capitale a Scutari. I romani riottennero la regione nel 168 a.C., e le truppe romane catturarono re Genti a Scutari (che chiamavano "Scodra") e lo condussero a Roma nel 165 a.C.. Un secolo dopo, Giulio Cesare e il suo rivale Pompeo combatterono la loro battaglia decisiva vicino Durazzo (Dyrrhachium). Alla fine, durante il regno dell'imperatore Tiberio, l'impero sottomise le tribù ribelli illiriche nei Balcani occidentali nel 9 a.C., e vi stabilì la provincia di Illiricum, governata da un "ambasciatore" romano. I romani suddivisero il teritorio nelle province di Dalmazia ed Epiro.


La provincia romana dell'Illiricum

Per circa quattro secoli, il dominio di Roma apportò nelle terre illiriche un notevole sviluppo commerciale e culturale e pose fine ai dissensi nati tra le tribù locali. Nelle montagne del luogo, i capi dei vari clan mantennero l'autorità, ma strinsero un'alleanza con l'imperatore e riconobbero l'autorità dei suoi delegati. Durante la festa annuale in onore dei cesari, i montanari illiri giuravano lealtà all'imperatore e riconfermavano i loro diritti politici. Una simile forma di tal tradizione, nota come la kuvend, sopravvive tutt'oggi nel nord dell'Albania.

I romani stanziarono numerosi accampamenti e colonie, ma la latinizzazione culturale si limitò alle città costiere. Inoltre supervisionarono la costruzione di acquedotti e strade, compresa la Via Egnatia, una famosa rotta militare e strada di commercio che conduceva da Durazzo attraversando la valle del fiume Shkumbini fino in Macedonia e a Bisanzio (poi chiamata Costantinopoli). Rame, argilla e argento venivano estratti dalle montagne. Le esportazioni principali erano vino, formaggio, olio e il pesce dal lago di Scutari e dal lago di Ocrida. Tra le importazioni erano inclusi vari attrezzi, manufatti in metallo, beni di lusso e altri articoli artigianali. Apollonia divenne un centro culturale, e lo stesso Giulio Cesare vi inviò suo nipote Ottaviano (che diventerà l'imperatore Augusto), per intraprendere gli studi.

Gli illiri si distinsero con i loro guerrieri nelle legioni romane e composero in gran parte la Guardia Pretoriana. Vari imperatori romani ebbero le loro origini tra la popolazione dell'Illiria. Tra questi Diocleziano (284-305) che salvò l'impero dalla disintegrazione introducendo delle riforme istituzionali, Costantino I (324-337) che tollerò il cristianesimo e trasferì la capitale dell'impero da Roma a Bisanzio, che chiamò Costantinopoli e Giustiniano I (527-565) che organizzò il diritto romano, costruì la ben nota basilica di Bisanzio, l'Hagia Sophia e si adoperò per riprendere il controllo sui territori persi.


Le Province Illiriche

Le Province Illiriche furono uno dei governatorati dell'Impero napoleonico, costituito in seguito al trattato di Vienna (14 ottobre 1809). Comprendeva gli antichi domini veneziani della Dalmazia e dell'Istria, Ragusa, e le province austriache dell'Alta Carinzia, Carniola, Istria, Friuli e Croazia meridionale. La capitale fu Laibach (Lubiana). Furono amministrate dal generale Auguste Marmont, e per la parte civile da Vincenzo Dandolo, provveditore generale in Dalmazia. Occupate dagli Austriaci nel 1813, le Province Illiriche furono assegnate agli Absburgo dal congresso di Vienna.


Il Regno di Illiria

Fu un regno dell'Impero austriaco, costituito dopo la sceonda caduta del Bonaparte con i territori settentrionali delle vecchie Province Illiriche francesi. Ebbe da sempre due distinte amministrazioni:
Una, facente capo a Trieste, detta delle Coste (che più espressamente al Congresso di Vienna nel 1815 erano state chiamate coste d'Italia), la quale era suddivisa nei circoli di Gorizia (cioè l'alta e media Giulia carsico-isontina entro i limiti storici della Contea), di Trieste (la città più quasi tutta l'Istria già veneziana) e di Fiume (l'ex contea pisinese, l'abonese e la parte quarnerina della Liburnia fino alla Baia di Buccari).
Un'altra, detta propriamente Illirica, comprendente parte della Carinzia e la Carniola.
Data la sua provvisorietà, scomparve nel 1849.


Religione

Il cristianesimo si diffuse nelle terre illiriche durante il I secolo d.C. San Paolo scrisse di aver predicato anche nelle province romane dell'Illiria, e la leggenda narra di una sua visita a Durazzo. Quando l'Impero Romano venne diviso in Impero Romano d'Oriente e d'Occidente nel 395, il territorio oggi noto come Albania venne amministrato dall'Impero d'Oriente, ma ecclesiasticamente rimase dipendente da Roma.

Nel 732 un imperatore bizantino, Leone l'Isaurico, assoggettò l'area al patriarcato di Costantinopoli. Per secoli la terra di Albania divenne l'arena delle lotte ecclesiastiche fra Roma e Costantinopoli. Molti degli albanesi gheghi che vivevano a nord del fiume Shkumbini, area comprendente l'odierna Tirana e l'area di Scutari (la pianura compresa fra il Mare Adriatico e il lago di Scutari) divennero cattolici mentre gli albanesi toschi che vivevano fra le regioni montuose del sud-est e le regioni sudoccidentali a sud del fiume Shkumbini si convertirono alla chiesa Ortodossa.


Toponomastica

Il nome "Illiria" non ebbe più valore amministrativo dopo la divisione dell'impero romano attuata da Diocleziano, ma durante il Rinascimento per "lingua illirica" si intendeva l'attuale lingua croata (e serba). Il termine fu ripreso da Napoleone per la creazione delle Province Illiriche che furono incorporate nell'impero francese dal 1809 al 1813 e il Regno d'Illiria fu parte dell'Austria fino al 1849, dopodiché il termine venne abbandonato con la riorganizzazione dell'impero austroungarico.

Il termine Illirici fu usato da qualche popolazione croata durante il periodo del nazionalismo romantico nel XIX secolo ma poi evitato poiché dava luogo ad anacronismi potenzialmente ingannevoli.

In letteratura il termine Illiria è stato utilizzato per indicare un paese parzialmente di fantasia da William Shakespeare ne La Dodicesima Notte e da Lloyd Alexander in Avventura in Illiria.

Tribù illiriche

Albanòi
Arbër
Ardiei
Dalmati
Dardani
Dasaret
Encheli
Eordei
Epiroti
Giapodi
Iapigi
Caoni (popolazione arcaica preesistente)
Labeati
Liburni (più probabilmente preesistenti, traci o liguri)
Messapi
Molossi (più probabilmente greci arcaici)
Paion
Partini
Penesti
Pirusti
Taulanti
Thesproti
Paqja eshte mbreti i kultures, lufta ushtari i saj
Chi è in equilibrio non evolve
.
(shkruar nga une)
Testo shpejtesine e internetit tuaj
Imazh
Përgjigju duke Cituar
Avatari i antarit
Drejtues

Poste: 1010
Antarësuar: 27 Janar 2009, 01:10
Bentornata "semplicita' ". Per diversi anni molti autori di manuali scolastici e' sembrato avessero stretto un patto segreto per eliminare dai loro testi l' amica piu' preziosa di studenti e insegnanti: la semplicita' . Alla difficile arte di rappresentare e spiegare in maniera chiara e' venuta sostituendosi una esasperata ricerca di tecnicismi, di apparati critici, con l' obiettivo di trasformare i manuali in piccole enciclopedie. Il risultato e' stato spesso quello di un appesantimento del testo, di una perdita' di accessibilita' , di "elementarita' ". I volumi che piu' hanno sofferto questa impostazione sono stati quelli di letteratura. Le antologie, in particolare, hanno visto crescere a dismisura gli strumenti di analisi e le guide, a dispetto dei testi narrativi. Non a caso, uno studente, tempo fa ci scriveva lamentando l' assenza nei suoi libri di scuola del "gioco". Chiedeva il nostro lettore di ritrovare la magia della parola.

Tra le novita' ci sembra meriti una particolare attenzione l' "Antologia italiana per la scuola media" della fiorentina Giunti: Il lettore in gioco, firmata da Luigi Tuffanelli. Il titolo dell' opera e' un preciso biglietto da visita. L' autore, ci e' parso di capire, vuole riportare lo studio della letteratura in un ambito piu' "sereno", piu' attento alle esigenze dei suoi lettori che non alle "mode". Tutto questo senza sottovalutare l' importanza che l' apprendimento delle tecniche di lettura e di analisi devono avere. Tuffanelli e' riuscito nella non facile operazione di presentare il mondo della letteratura mantenendo in primo piano il "piacere" che una tale avventura deve trasmettere. Nel Lettore in gioco, felice e' anche la scelta dei brani. E con una di queste scelte vorremo concludere. Con un passo tratto da Le voci di Marrakech di Elias Canetti: al suo incontro con i Tuareg, gli uomini blu: "Era sera, il bagliore rosso sul muro si stava spegnendo. Finche' mi fu possibile, non staccai gli occhi dal muro ed ero felice per il suo lento mutar di colore.

Fu allora che scorsi, nella sua ombra, una grande carovana di cammelli. Quasi tutti si erano messi sulle ginocchia, gli altri erano ancora in piedi; uomini con il turbante in testa camminavano tra i cammelli, indaffarati eppure tranquilli, era un' immagine di pace e di tramonto". La prossima settimana: manuali di letteratura (2). Icelti e gli illiri. I mercanti assiri, i cavalieri delle steppe, i nomadi. Oriente e Occidente tra incontri, scontri e scambi di civilta' per capire e spiegare le radici delle radici, per spiegare cosa c' era e cosa succedeva prima dei Greci, prima dei Romani. "Dall' Indo a Thule: i Greci, i Romani e gli altri" e' il titolo di un convegno in programma a Trento da giovedi' 23 a sabato 25 prossimi. Lo organizza l' associazione di cultura classica nella nuovissima aula magna del liceo "Giovanni Prati", ricavata, grazie ad un attento restauro, da un' antica ala della scuola. Venti gli interventi in programma, compresi i contributi di studiosi delle universita' di Bonn, Varsavia, Regensburg.

Troiano Antonio
Paqja eshte mbreti i kultures, lufta ushtari i saj
Chi è in equilibrio non evolve
.
(shkruar nga une)
Testo shpejtesine e internetit tuaj
Imazh
Përgjigju duke Cituar
Posto një përgjigje 3 postime · Faqe 1 prej 1
Antarë duke shfletuar këtë forum: Asnjë antar i regjistruar dhe 1 vizitor
Powered by phpBB3
Copyright ©2008 phpBB Group.
Të gjitha oraret janë UTC + 2 orë . Ora 11 Maj 2021, 03:46
Designed by Monitonix
[phpBB Debug] PHP Warning: in file /web/htdocs/www.proletari.com/home/mkportal/include/PHPBB3/php_out.php on line 33: Creating default object from empty value
Theme by Zeuder
Copyright 2009 - 2010 da Proletari